CENNI STORICI

 

12

In riferimento all’origine di Bianchi e delle sue frazioni, si possono formulare delle ipotesi che fanno risalire gli anni d’origine intorno alla prima metà del 1600, quando una moltitudine di persone si spostò dalla vicina città di Scigliano nel territorio di Bianchi.
 Una prima ipotesi farebbe risalire lo spostamento a partire dal 1602, anno in cui l’Università di Scigliano con tutti i suoi Casali, fu venduta dalla corona spagnola al Principe di Castiglione e conte di Martorano, don Cesare D’Aquino. 
Questo episodio suscitò in alcune famiglie sciglianesi tanta indignazione da indurli ad abbandonare la città e a stabilirsi alle pendici della Sila, dove possedevano delle terre. A sostegno di tale ipotesi pare che nella località Serradipiro, esistevano in quegli anni solamente i casini dei baroni Accattatis e quelli delle famiglie Folino e Agazio Bianco, entrambi originarie di Scigliano.
 Un’altra ipotesi molto simile alla prima, porterebbe a supporre che tutto il territorio di Bianchi appartenesse alla famiglia Accattatis di Scigliano, che lo avrebbe acquistato dal Demanio Spagnolo e poi suddiviso in appezzamenti e dato in censo ai contadini del luogo.
Una terza ipotesi suppone invece che intorno al 1650 il territorio di Bianchi  sarebbe stato comprato dal Regio Demanio spagnolo da un insieme di famiglie nobili e potenti del luogo quali gli stessi Accattatis, i Folino, i Bianco, i Muraca.Gli spostamenti di popolazione si fecero via via più intensi in seguito ad una serie di catastrofi naturali, come il terremoto che colpì Scigliano nell’anno 1638.
 Intorno ai palazzi degli esuli sciglianesi, sorsero i primi villaggi e si organizzò la vita della comunità, dedita principalmente all’agricoltura e all’allevamento del bestiame. Nel 1700 solo due raggruppamenti  abitativi potevano definirsi Casali e vale a dire Bianchi e Serradipiro. Il 4 maggio 1811 fu emanato da Gioacchino Napoleone il decreto n. 922 per la nuova circoscrizione delle province del Regno di Napoli con cui l’antica Scigliano fu smembrata in quattro comuni: Scigliano, Pedivigliano, Colosimi, Soveria Mannelli. Il territorio di Bianchi e dei suoi casali fu accorpata amministrativamente prima al Comune di Scigliano e poi a quello di Colosimi. 
Il 25 gennaio 1820 da Napoli fu emanato un  Regio Decreto portando alcune rettifiche sulla circoscrizione dei Comuni e circondari, e gli abitanti degli antichi casali di Scigliano ottennero la completa autonomia amministrativa.
 Il Comune di Bianchi nel 1820 ebbe già i suoi  registri di stato civile, da cui risulta una popolazione complessiva di 1279 abitanti, 13 matrimoni, 28 nascite e 11 morti. Nel corso del secolo, l’andamento demografico toccò la sua punta massima nel 1852 con 1712 abitanti.
Per quanto riguarda le origini del toponimo Bianchi, ci sono diverse ipotesi: la più verosimile ricollega il nome Bianchi al cognome di una delle famiglie che si stanziarono in quei luoghi.Il patrono e protettore del paese è San Giacomo Apostolo,la cui ricorrenza è fissata nella giornata del 25 luglio.

 

3

Comune di Bianchi (CS-Italy)

Piazza MATTEOTTI 15

CAP 87050

Tel. 0984 96 70 58 - Fax 0984 96 70 94

P.IVA 00388560781
http:\\www.comune.bianchi.cs.it     E-mail: info@comune.bianchi.cs.it
PEC:  sindaco.bianchi@asmepec.it

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.294 secondi
Powered by Asmenet Calabria